Trovare casa facilmente: e se dico le bugie?

trovare casa facilmente

Mi ha molto colpito un articolo letto sul portale di news swissinfo.ch, che si rivolge al popolo svizzero. In questo post si afferma che il 15% delle persone che vogliono trovare casa facilmente in questa parte del mondo è pronta dire le bugie per accaparrarsela. Proprio così, a dire le bugie, che possono magari interessare il contratto di lavoro, la posizione sociale, lo stato familiare e così via.

Ma perché gli svizzeri devono dire le bugie per trovare casa? Semplice, perché trovare casa nel paese non è così semplice come sembra. Il mercato immobiliare svizzero è uno dei più complessi del pianeta, è regolato da leggi ferree e, inoltre la disponibilità di case, soprattutto nei centri ad alta densità langue.

Ho scelto di parlare di questo argomento, oggi, perché è davvero un controsenso, ovvero a pochissimi chilometri da qui, trovare casa è complicato e le persone sono addirittura disposte a mentire per riuscirci.

Trovare casa facilmente: la domanda nasce spontanea

In Italia chi vuole trovare casa facilmente può mentire, sicuramente, ma non è la prassi perché il mercato non è così stretto, così selettivo e così d’élite. Certamente alcuni immobili sono gettonatissimi e chi vuole accaparrarseli deve avere le carte in regola per poterlo fare. Ma si tratta di immobili esclusivi, dislocati in certi quartieri e che magari hanno un vicinato alquanto particolare, che non vuole abbassare il livello di esclusività per non svalutare il prezzo complessivo degli immobili che sono stati costruiti in quell’area.
Ma allora mi chiedo: l’Italia saprà un giorno risollevarsi e diventare, non dico totalmente esclusiva, ma almeno un po’ più selettiva? Chi desidera trovare casa facilmente,abitare la palazzina dei suoi sogni, o un rustico sul quale ha puntato gli occhi da tempo potrà farlo in una situazione di mercato onesta e giusta per chi compra e chi vende?

Trovare casa facilmente non fa rima con il dire le bugie, ma questo post mi ha fatto pensare e volevo condividere questa esperienza di lettura con voi, fatemi sapere cosa ne pensate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *