Debito per la casa? Calcola il 40% delle tue entrate

debito per la casa

A fugare i dubbi sul peso del debito per la casa ci ha pensato nientemeno che la Banca d’Italia. L’Istituto di credito centrale del paese ha fatto due conti in tasca ai cittadini e ha definito una percentuale base, che rivela quale è l’incidenza del debito per la casa da considerare quando si intende acquistare un immobile.

La Banca d’Italia ha quindi stimato che i costi della quota del mutuo, sommati ai debiti come i prestiti personali, le rate della macchina e ad esempio il costo della carta di credito, non devono sforare il 35-40% del reddito di chi è titolare di un mutuo.

Debito per la casa: se sfori c’è il rischio povertà

La povertà è uno stato raggiunto da molte famiglie che, purtroppo, hanno visto salire alle stelle il costo della vita, a fronte di un’immutata condizione salariale o addirittura della perdita del lavoro. Il consiglio della Banca dì’Italia è prudente e contenitivo, perché indebitandosi per il 40% massimo delle disponibilità reddituali, è possibile gestire una vita decorosa e anche risparmiare qualcosa per il futuro.

Ovviamente tutto è proporzionale, quindi chi possiede redditi da capogiro e ne usa il 40% per acquistare casa, può permettersi magioni da sogno. Viceversa, il 40% di uno stipendio medio da destinare al debito per la casa è equo, permette di vivere e di spendere il giusto ammontare di denaro per la realizzazione dei propri sogni immobiliari.

Perché la percentuale stimata da Bankitalia è intelligente? Perché un monito, ovvero se si acquistano beni immobili che richiedono un esborso maggiore si rischia di fallire, a livello di investimento così come di gestione quotidiana del proprio reddito. La percentuale è quindi significativa e può essere intesa come il consiglio di muovere i propri investimenti sulla base di quello che è il reddito personale, per non strafare e per non rischiare indebitamenti pericolosi per il proprio futuro.

Chiedi consiglio all’Agenzia Immobiliare di Nicole Sella per fare i conti con cura e prevedere un’incidenza corretta in fase di acquisto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *