Oggi parliamo di urbanistica

urbanistica

Scomodiamo il dizionario Treccani per scoprire cos’è l’urbanistica:

“L’insieme delle misure tecniche, amministrative, economiche finalizzate al controllo e all’organizzazione dell’habitat urbano. Tre sono gli ambiti prevalenti di ricerca teorica e di applicazione pratica dell’u.: le analisi dei fenomeni urbani; la progettazione dello spazio fisico della città; la partecipazione ai processi politici e amministrativi inerenti le trasformazioni urbane”

Perché sono così didattica nello spiegarti cos’è l’urbanistica? Perché molte persone la sottovalutano, soprattutto in fase di ristrutturazione e si trovano a dover fare i conti con una situazione lunga e indipendente dalla loro volontà. Facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire quali sono i passi che devi compiere in materia urbanistica.

Urbanistica cosa devi sapere all’inizio

Quando acquisti un immobile devi conoscere il suo stato urbanistico. Si tratta di una serie di schede che contengono le indicazioni necessarie per fissare gli interventi che si possono realizzare. Può trattarsi della possibilità di abbattere un pezzetto di casa, di aprire un lucernario sul tetto o di spostare una scala. Tutto è concentrato sull’urbanistica, ovvero sul rapporto che l’immobile ha con il tessuto urbano circostante.

Se le schede della tua nuova abitazione non sono congrue, ovvero sono vecchie o addirittura obsolete, devi rivolgerti ad un tecnico, che deve ricostruire lurbanistica secondo le tue volontà, quindi riscrivere le schede perché ti possano permettere di attuare dei piani di ristrutturazione affini alle tue esigenze e alle tue volontà.

Urbanistica: quando iniziano i problemi

I problemi iniziano quando sei in centro storico, perché l’urbanistica che interessa le aree residenziali è abbastanza morbida. In centro storico non si può fare di testa propria, perché ci sono una serie di regole che devono essere rispettate. Al contempo, le case che di solito devono essere ristrutturate si trovano proprio in questa porzione di abitato.

Se acquisti casa e le schede urbanistiche sono vecchie, devi quindi armarti di pazienza, perché devi seguire un tecnico ed elaborare con lui una strategia corretta, che sappia apportare le varianti che tu desideri, ma senza stravolgere il contenuto delle schede e restando ‘in linea’ con le normative vigenti.

La tua variante dovrà quindi essere presentata all’ufficio tecnico comunale e approvata dal consiglio comunale. Tempi stimati? Dipende, ma per tutto l’iter si va dai tre mesi se sei davvero bravo e fortunato fino all’anno o più, se le varianti non vengono accettate in prima istanza.

Quale è il mio consiglio in questo caso? Prima di acquistare casa informati sulla situazione urbanistica e chiedi aiuto ad un bravo tecnico, che ti sappia indicare con chiarezza quali sono gli interventi fattibili e quelli per i quali dovresti invece lottare per raggiungere il consenso e l’approvazione.

Spendi bene il tuo tempo e pianifica il tutto al meglio, perché solo in questo modo potrai avere sott’occhio la situazione in modo completo e dare vita ad un calendario preciso per i tuoi obiettivi immobiliari.

Hai esperienze di urbanistica da raccontarmi? Chiamami, scrivimi una mail o impiega il form di contatti presente in questo sito. Ah, non dimenticare di lasciare un commento in calce!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *