Mercato immobiliare in salita, stappiamo?

mercato immobiliare

Oggi arriva un bel post sulla salute del mercato immobiliare. Non potevo non affrontare questo argomento, perché ne stanno parlando tutti e io non voglio essere de meno. A parte gli scherzi, ci sono dei dati apparsi in rete e nei giornali che fanno ben sperare e che meritano di essere analizzati con cura, perché se la situazione è reale allora c’è da stare ben contenti.

Mercato immobiliare cosa dice l’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto i dati che interessano il secondo trimestre del 2016. Si tratta di dati più che positivi, perché sembra proprio che gli italiani abbiano ricominciato ad investire sul mattone. Le prospettive lo dicevano, i banchieri lo dicevano e anche il Sole 24 Ore lo affermava in un suo interessante post.

A conti fatti il mercato immobiliare ha vissuto un rialzo generale del 21,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e del 17,3% rispetto a quanto rilevato nel primo trimestre dell’anno in corso.

Perché il mercato immobiliare sale? I fattori sono di base la permanenza di mutui bassi e la discesa dei prezzi avvenuta negli ultimi trimestri. Nella pratica, le persone possono accedere al credito e comprare bene, quindi si rendono conto che è il momento per fare dei buoni investimenti immobiliari.

E’ curioso notare le dichiarazioni della stessa Agenzia delle Entrate, che poco tempo fa aveva dichiarato che i dati vanno in controtendenza

“rispetto alle informazioni sull’andamento complessivo dell’economia italiana e degli indici di fiducia di imprese e famiglie fornite recentemente dall’Istat”.

Dove e come sale il mercato immobiliare

Il mercato sale e lo fa al nord con un +24,9%, seguita dal sud con il +20,8% e dal centro che lo segue di pochissimo con il +20.7%. Le città migliori? Bologna su tutte, ma anche Milano, Napoli, Firenze e Torino. Bene anche il mercato immobiliare non residenziale, con un produttivo a quota 28,7%.

Ti ho snocciolato un bel po’ di dati, ma quale è la tua visione del mercato immobiliare? Sei convinto che questi dati siano reali o pensi che siano un pochino gonfiati? Ne parleremo nel prossimo post, intanto godiamoci finalmente un segno più che non sia vicino allo zero come è avvenuto negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *