Notaio e agente immobiliare ‘segretaria’

agente immobiliare thiene

Il rapporto fra notaio e agente immobiliare può essere amichevole oppure sfociare in una subordinazione che merita di essere conosciuta da chi sta acquistando o vendendo casa. Prima di entrare nel dettaglio ‘morale’ cerchiamo di capire quali sono i ruoli dei due attori.

Notaio e agente immobiliare: chi fa cosa

Il notaio ha il compito di verificare che la proprietà interesse della transazione immobiliare non vi siano vizi o formalità pregiudizievoli, oppure non conformità urbanistiche. In Teoria, in realtà negli atti non  è mai il notaio che dichiara, ma le parti ( venditore e compratore o donante) dichiarano: sottile differenza. Il notaio deve controllare la situazione catastale e accertare che non vi siano dubbi sull’identità dei proprietari. Per legge il notaio si occupa quindi di redarre e di depositare gli atti che danno origine alla compravendita. Ma sono sempre le parti in causa che dichiarano.

Il notaio fa anche ben altro, è una figura importante, anzi indispensabile in ogni trattativa svolta nel nostro paese. La sua figura si intreccia con quella dell’agente immobiliare perché è compito dell’agente seguire il cliente nel reperimento della casa da acquistare o affiancarlo nella vendita dell’immobile. L’agente immobiliare deve essere a conoscenza degli iter burocratici da seguire in fase di compravendita e deve aiutare il cliente per portarla a buon fine. Si tratta di una richiesta deontologica e che permette al cliente di effettuare una compravendita a norma di legge, seguita e quindi positiva in ogni singola fase. Non solo deontologica ma a differenza del notaio per qualsiasi problematica che dovesse sorgere a livello urbanistico, ipotecario e catastale e soggetto perseguibile anche penalmente dal 2015, con una sentenza anti codice civile, in cui l’agente immobiliare è responsabile di qualsiasi mala informazione. Quindi deve verificare tutto.

Nelle proposte di acquisto o preliminare,  è partecipe alla responsabilità. Il notaio no.

Notaio: quando l’agente immobiliare diventa una segreteria

Toni duri servono per questo post, perché alcuni studi notarili interpretano il lavoro dell’agente immobiliare come ‘dovuto‘ e lo fanno sfociare nel segretariato. Non esistono regole ‘scritte’ che riportano la richiesta da parte del notaio della documentazione relativa alla compravendita. Sulla carta il notaio dovrebbe reperirsi tutti i documenti e fare il suo lavoro in completa autonomia.

La realtà dei fatti è ben diversa, perché molti notai operano pretendendo la fornitura dei documenti da parte dell’agente immobiliare e, a conti fatti, si risparmiano un bel po’ di lavoro da fare. La mia domanda è questa: è corretto che il notaio ‘pretenda‘ la documentazione in ordine dall’agente immobiliare? Perché è diventata prassi la richiesta di presentare i documenti quando sarebbe compito dello studio notarile procurarsi i documenti del caso e procedere con il loro controllo?

Forse la riposta sta nelle radici culturali, in una sorta di sottomissione storica che ha visto gli agenti immobiliari sottostare a richieste sempre più ingerenti da parte degli studi notarili. La situazione deve però essere cambiata, perché a conti fatti il lavoro del notaio si compone anche della ricerca dei documenti, che dovrebbe essere fatta in autonomia come fanno gli stessi agenti.

Questa è la mia idea. Tu cosa ne pensi? Hai avuto esperienza con studi notarili che vuoi condividere? Scrivi nel blog oppure contattami impiegando il form presente in questo sito.

2 thoughts on “Notaio e agente immobiliare ‘segretaria’

  1. Articolo interessante in cui si tratta un aspetto sconosciuto a molte persone.
    Raramente mi è mai capitato di essere “segretario” del Notaio, in quanto il rapporto è stato perlopiù collaborativo.
    Senz’altro, invece, mi è accaduto di avere a che fare con personale dello studio notarile assolutamente impreparato ed inadatto al ruolo che ricopre causando ritardi e complicanze varie
    Stefano

    1. ciao stefano, grazie del tuo commento.
      si intendevo proprio ciò che tu hai chiarito in maniera chiara, spesso il notaio effettivamente compare in fase di atto. Quindi abbiamo a che fare con il suo personale che predispone gli atti e si aseptta che sia tutto pronto già da noi.

      In sostanza solleviamo un bel peso, ecco perchè…. SEGRETARIA.

      grazie e a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *