Intervista immobiliare: a chi serve e perché

intervista immobiliare

Strano il modo di lavorare degli agenti immobiliari, fra un’intervista e un foglio di visita non perdono un attimo per ‘impossessarsi ‘ dei dati e profilare i clienti.

Questo, purtroppo, è il pensiero comune a molte persone che si approcciano per la prima volta ad un’agenzia immobiliare e la causa della confusione e dei sospetti che possono nascere è da imputare solo ed esclusivamente agli stessi agenti. Perché ti dico questo? Perché l’intervista immobiliare, così come il foglio di visita, sono strumenti che fanno parte della vita e del lavoro dell’agente, ma che devono essere spiegati ai clienti perché possano comprenderli e capire a cosa servono.

La mancanza di tempo, la poca voglia e tanti altri fattori inducono gli agenti a chiedere le notizie senza spiegare il perché e far firmare fogli su fogli ai clienti senza spiegarne il motivo. Da un comportamento di questo tipo possono nascere solo sospetti e fraintendimenti, quindi seguimi e ti spiegherò a cosa serve una buona intervista in ambito immobiliare.

Intervista immobiliare: di cosa si tratta

L’intervista immobiliare viene fatta dall’agente al cliente per raccogliere più informazioni possibili, a livello pratico, burocratico e ‘morale’. A livello pratico si tratta di una raccolta che interessa lo stato dell’immobile in caso di vendita, quindi le caratteristiche proprie, l’anno di fabbricazione, la situazione catastale e così via. Se una persona vuole invece acquistare, la parte pratica si sviluppa sulle caratteristiche dellimmobile che sta cercando, quindi posizione, metratura, tipologia di casa e via dicendo.

Alla parte pratica si associa un’intervista immobiliare più profonda, che interessa le ragioni , la personalità del cliente, le motivazioni e gli stimoli che lo stanno muovendo ad acquista oppure a vendere casa. Questa parte è fondamentale perché permette al bravo agente di capire quali sono le reali necessità del suo cliente e quindi a capire dove deve andare a cercare perché la trattativa sia felice.

Intervista immobiliare a chi serve

L’intervista immobiliare serve all’agente o al consulente, perché ne può derivare un quadro chiaro e delle richieste pratiche e morali del cliente. Si tratta nella pratica di tanto lavoro risparmiato e della possibilità di concentrare la ricerca su immobili che rispondano alle caratteristiche riportate. Ecco un esempio per capire quali sono i benefici dell’intervista immobiliare:

Miriam sta cercando casa. Se il punto si chiudesse ora, l’agente immobiliare avrebbe davanti a sé un lavoro madornale da compiere, perché non saprebbe che casa, che caratteristiche, che posizione, ma soprattutto perché Miriam cerca casa. L’intervista immobiliare racconta che Miriam cerca casa con sua figlia teen ager e la sua volontà è di trovare un’abitazione comoda alla scuola, sicura per lei che torna tardi alla sera e vicina alla casa di sua madre. Queste nozioni sono personali, ma se vengono riportate nell’intervista aiutano infinitamente l’agente a proporre a Miriam la casa giusta per le sue aspettative e per le sue necessità.

Dal canto suo, Miriam può fare un’analisi e capire domanda dopo domanda quali sono e sue aspettative reali e combaciarle con l’offerta di mercato. L’intervista immobiliare può risultare invadente e un po’ barbosa ma fidati, è uno strumento indispensabile per l’agente e importante per chi compra o vende casa.

Sei stato ‘sottoposto’ ad interviste immobiliari particolari? Raccontami la tua esperienza!

One thought on “Intervista immobiliare: a chi serve e perché

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *